Paperopoli Consiglio

Archivio sedute di Consiglio: 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 |

Seduta num. 81 del 30 luglio 2014

Precedente | Successivo

Elenco dei beni immobili comunali suscettibili di alienazione o valorizzazione. Anno 2014

Il Consigliere Ferrari (La Casa Democratica): Si per dichiarazione di voto ma direi che il precedente del Sindaco che con la dichiarazione di voto ha riaperto un mini dibattito vale anche per me immagino, di Moretti e del Sindaco, quindi a maggior ragione varrà anche per il consigliere Ferrari, al quale è stata rifilata, ho visto già, una bella mazzata tra capo e collo politica contro il Regolamento in quanto l’ordine del giorno da me presentato che in termini cronologici andava prima di ogni altro punto all’ordine del giorno, il Presidente, di imperio, lo ha portato al quattordicesimo punto, violando il Regolamento ma mi pare che sia ormai una norma, una prassi consuetudinaria quella del Presidente, di violare il Regolamento comunale, ricordo al Presidente che quando si porta un ordine del giorno al quattordicesimo punto, quindi violando l’ordine cronologico deve chiedere il permesso al presentatore oppure porlo al voto del Consiglio comunale, il Presidente non può fare di testa sua, quindi denuncio pubblicamente la violazione del regolamento comunale, qui le norme o vengono fatte per essere cambiate ad personam quando non permettevano al Presidente del Consiglio Comunale di partecipare alle Commissioni, oppure si violano allegramente senza nemmeno chiedere un parere al presentatore che probabilmente non l’avrebbe dato naturalmente, ma che la buona educazione e il rispetto del Regolamento dovrebbe prevedere. Confermo che lei è il peggior Presidente che questo Consiglio Comunale ha avuto negli ultimi trent’anni, addirittura è peggiore di Michelangelo Guzzonato. Lo so si stupisce anche il Sindaco che evidentemente non stima il presidente Guzzonato, ma indubbiamente io me lo sento di dire questo. Siamo arrivati a questo livello.
La mia dichiarazione di voto sarà una sequela di voti negativi ovviamente. Non dirò tutti i motivi, ma quattro spunti io li voglio dare, approfitto che è presente l’ingegner Roccato questa sera, tra poco l’Ing. Roccato avrà un collaboratore, questa è una novità, la notizia che oggi ho pubblicato, all’ingegner Roccato si affianca un collaboratore, una nuova consulenza d’oro di 12.000 euro che il Comune di Paperopoli mentre chiede lacrime e sangue ai cittadini, aumento di tutte le imposte, riduzione dei servizi, aumento delle rette, in questi anni avete aumentato tutto quello che si poteva aumentare, e poi arriva l’ingegner Roccato che da solo evidentemente non ce la fa, non gli basta quello che prende l’ingegner Roccato ogni anno dal Comune di Paperopoli, da noi cittadini che gli paghiamo uno stipendio profumatissimo, l’Ing. Roccato ha bisogno di un collaboratore. Questo collaboratore arriverà da qui a pochissimo con una selezione? Qualcuno visionerà dei curricula, poi chiederò chi è, non avrà nessun obbligo il Comune di Paperopoli di motivare chi ha preso chi non ha preso, prenderanno chi vogliono, prenderete chi volete, avete citato il Codice degli appalti, una normativa molto discutibile perché riguarda i lavori dati in economia, quindi a chiamata diretta, l’avete utilizzata per dare una consulenza d’oro di 12.000 euro per un personaggio che dovrà affiancare l’ingegner Roccato, determina firmata dall’ingegner Roccato, su ordine del sindaco Bruno immagino, non credo che l’Ing. Roccato si sveglia la mattina e firmi le determine, e quindi arriverà un nuovo consulente pagato con i soldi nostri che non serve, che non serve, una spesa voluttuaria, inutile, che dovrà affianLorenzo nella direzione della amministrazione dei suoi uffici, per un non meglio precisato progetto generale di riqualificazione urbanistica. Una nuova consulenza d’oro, 12.000 Euro dati ad personam, senza bando pubblico, delibera aprile 2014, avete tentato di nasconderla, qualcuno, io, l’ho trovata e denuncio questa ennesima situazione di ennesimo sperpero di denaro pubblico. Ma io vi controllerò, caro ingegner Roccato, caro Sindaco, sarò lì, andrò a vedere tutti i curricula, leggerò tutti i curricula, e forse come Jucas Casella magari scriverò il nome di chi verrà preso, consegnerò la busta al consigliere Greco fidatissimo del Consiglio comunale, vedremo se poi ho queste caLeonetà divinatorie.
Perché una sequela di voti negativi di fronte ad un’amministrazione comunale che spende e spande soldi pubblici chiedendo poi immani sacrifici ai cittadini. Citava il Consigliere Moretti il problema enorme delle spese di consulenza legale, delle spese di incarichi a professionisti esterni. Una media di oltre duecentocinquantamila euro all’anno, una follia. Il Sindaco oggi giustamente dopo il mio intervento di qualche giorno fa raddrizza il tiro, prima forse era stato mal consigliato, non voglio dire che era in malafede dicendo era una causa del valore di ventisettemilioni di euro, non era vero ovviamente, io sono dovuto arrivare in comune, ho avuto qualche difficoltà col Segretario Morganti che non mi voleva consegnare i documenti, ho dovuto addirittura allertare le forze dell’ordine, alla fine il Segretario Morganti mi ha dato quello che chiedevo e ho potuto notare, leggendo i ricorsi, che era una bugia Sindaco quella che lei mi aveva detto, non era una causa da ventisette milioni, ma una causa tecnicamente di valore indeterminato neanche di un milione di euro, di valore indeterminato Sindaco perché si chiedeva la sospensiva, si chiedeva di fermare quell’operazione, si chiedevano altre cose, quindi non era nemmeno di un milione di euro, di valore indeterminato. Una parcella, ammesso e non concesso che l’avvocato interno non fosse stato in grado, secondo me lo è, di intervenire quale professionista in quella causa, una parcella equilibrata con le parcelle nuove del 2014 si sarebbe orientata intorno ai ventiseimila euro. Ho pubblicato questi dati, nessuno mi ha smentito, ma perché semplicemente nessuno può smentirmi, e questo è proprio il problema del Sindaco, non le guarda per niente, è proprio questo Sindaco, la mia però è data da valori ministeriali, non è che me la sono inventata la parcella, io ho con un programma che lei può scaricare su internet trova come si calcola la parcella di un avvocato le consiglio di farlo le prossime volte, le consiglio di andare a vedere il valore di una causa, calcolare il valore di una parcella medio e minimo e si renderà conto che lei paga abitualmente cinque volte di più i professionisti esterni di quelli che sono i parametri professionali. Cinque volte di più di media, cinque volte di più Sindaco. Ma io dico ci siamo o ci facciamo a gestire in questo modo le casse comunali? Il Sindaco dice venite in Commissione a fare proposte. Ma veniamo a parlare con i muri? Veniamo a parlare con chi? Io una proposta Sindaco l’ho fatta, sono quattro anni che gliela faccio, lei non l’ha nemmeno presa in considerazione, gliela rifaccio oggi perché le proposte le faccio in Consiglio in modo che sentano i cittadini, poi lei non l’accoglierà neanche questa volta, dirà venga in Commissione, venga a prendere il gettone di presenza, a dire e fare proposte che tanto non ce ne frega niente. Io non ci vengo Sindaco, io non vengo in Commissione a sentire le sue prolusione di tre ore in cui non dite nulla, io vengo in Consiglio Comunale, denuncio quello che fate. E la mia proposta Sindaco è chiara. Non basta il professionista interno? Dico subito una cosa. Avete pagato 86.000 euro per una causa di primo grado a un avvocato per una causa di primo grado, quando pagate l’avvocato del Comune per tutto l’anno 80.000 euro. Ma allora con quegli 86.000 euro assumete un altro avvocato, ne farà cento di cause non una,  assumetene un altro risparmiate, risparmiamo. Oppure fate un bando pubblico, questa volta serio, fatevi mandare dei curricula, chiedete a professionisti di mandarvi i titoli, professionisti titolati per ogni branca del diritto, e chiedete una dichiarazione iniziale preliminare in cui ogni professionista si impegna a derogare ai minimi tariffari, se no mio caro non lavori, non ci mandi parcelle da 86.000 euro, non lavori in questo Comune. E poi avete avuto il coraggio di dire, la maggioranza, in Commissione l’abbiamo fermata per fortuna grazie anche al coraggio del Presidente Gianni Mariani, esci da quella maggioranza Mariani, esci da quella maggioranza non è più il tuo posto lì, il coraggio del tentativo di bloccare quel voto perché qualcuno della maggioranza ha detto se facciamo il comitato referenGiuseppe il presidente del comitato referenGiuseppe che su mia proposta, una volta tanto quella proposta è stata accettata, salvo poi gestirla in modo intelligente da parte maggioranza, accettiamo la proposta cioè il Presidente scegliamolo nel Consiglio dell’Ordine come succede per gli arbitrati,  quindi una scelta casuale che arriva dal Consiglio dell’ordine in modo che non ci possono essere ………………….

Il Presidente del Consiglio Conti: Ferrari deve concludere.

Il Consigliere Ferrari (La Casa Democratica): Eh no scusi il Sindaco ha parlato, parlo quanto ha parlato il Sindaco.

Il Presidente del Consiglio Conti: Abbiamo dato dieci minuti.

Il Consigliere Ferrari (La Casa Democratica): Il Sindaco ha parlato sedici minuti.

Il Presidente del Consiglio Conti: Il Sindaco ha parlato dieci minuti, è registrato lei lo sa bene, dieci minuti Moretti, dieci minuti il Sindaco.

Il Consigliere Ferrari (La Casa Democratica): Quindi ho ancora tre minuti. Quest’uomo mi interrompe ogni volta che sto per dire una cosa importante deve interrompere, è pagato per interrompermi, viene pagato per interrompermi, prendi lo stipendio a fine mese e devi interrompere Ferrari e devi fermare il filo logico di Ferrari. Allora stavo dicendo, si vede Sindaco perché abitualmente faccio una professione per cui l’adrenalina me la tengo per la fine serata in modo che poi arrivo un po’ più carico, quindi prima lavoro, produco per la nazione, produco per pagare gli stipendi ai politici poi arrivo, beh io pago anche tante tasse quindi lavoro per voi politici di professione. Stavo dicendo della parcella, che quando si dice derogate ai minimi tariffari, io devo scrivere preliminarmente che sono disposto a derogare ai minimi tariffari e a quel punto se sono disposto a farlo ti do l’incarico se no qui non lavori perché la parcella da ottantaseimila euro tu non la prendi. Possiamo prendere professionisti serissimi, bravi, alcun bravi magari esattamente come quelli a cui il Comune di Paperopoli si rivolge senza dover spendere queste cifre folli, duecentocinquantamila euro all’anno, signor Sindaco, duecentocinquantamila euro all’anno di spese legali, si può fare a meno. E allora quando dico le proposte dell’opposizione devono essere ascoltate e forse bisogna anche qualche volta metterle in pratica. Concludo, mi è venuto in mente quello che dicevo prima, mi è venuto in mente che la maggioranza, ecco perché Conti mi ha fermato, e Conti l’ha difeso questo principio, che il Presidente di quella Commissione referendaria avvocato scelto dall’Ordine degli avvocati doveva prendere per dare un segnale, a chi non si è capito, 25 euro che è il gettone di presenza che prende un consigliere comunale. Facciamo contento Ferrari, prendiamo l’avvocato scelto dal Consiglio dell’ordine che sicuramente è imparziale, non è nominato dall’Amministrazione comunale, ma gli diamo 25 euro così certamente non accetta l’incarico, perché un professionista che deve accettare 25 euro per dare un segnale, ma all’avvocato a cui avete dato la parcella da ottantaseimila euro il segnale non l’avete chiesto, gli avete dato ottantaseimila euro di segnali all’avvocato. Ecco perché, e vado a concludere, ho fatto solo due esempi, potrei parlare del Museo dell’informazione, si parla di vendere la struttura ma non si dice che il Museo dell’informazione è una struttura creata ad arte per metterci dentro i politici, negli anni ottanta è stata creata ad arte, il Museo dell’informazione è una carrozza inutile, inutile, le opere d’arte che ci sono mettetele in un altro museo, al Museo della mezzadria, e chiudete quella struttura, richiamate il personale, richiamatelo a fare cose serie, anziché chiamare i consulenti con la firmetta dell’Ing. Roccato ad altre dodicimila Euro, richiamate il personale che è al Museo dell’informazione, chiudete quella struttura, basta con quel bilancio. Ci sono tante voci, tante spese da tagliare, tra pochi giorni del mio libro bianco compie un milione, signor Sindaco, compie un milione di euro, in tre anni vi ho segnalato un milione di euro di sprecherie, verremo con la torta a festeggiare il milione, quelle sono le spese da abbattere, altre se ne aggiungeranno, è per questo che il vostro bilancio è invotabile, è per questo che denuncio a qualche mese dall’inizio della campagna elettorale, una nuova grande, mastodontica politica clientelare in cui stanno per arrivare a pioggia contributi, nuovi consulenti, nuove prerogative, nuovi favoritismi, sta per arrivare tutto questo, si stanno riaprendo i rubinetti della pubblica amministrazione per l’ennesima volta e a pagare saranno i cittadini a cui chiedete di alzare le tasse per cominciare a pagare la simpatia della vostra campagna elettorale.

Si dà atto che esce il Consigliere Bianchi ed entra il Consigliere Mariani: Presenti con diritto di voto n. 22.