Paperopoli Consiglio

Archivio sedute di Consiglio: 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 |

Seduta num. 77 del 16 aprile 2014

Precedente | Successiva

Interrogazioni ed Interpellanze

Il Consigliere Ferrari (La Casa Democratica): Devo purtroppo registrare la non soddisfazione di questa risposta del Sindaco, però il Sindaco deve mettersi d’accordo con l’assessore Rinaldi perché parlano due lingue completamente diverse e io chiedo anche, almeno da un punto di vista morale, l’intervento del Consigliere Bianchi che si era interessato della vicenda. L’Assessore Rinaldi disse un’altra cosa Sindaco, perché l’Assessore Rinaldi disse che sarebbe stato sicuramente portato avanti perché l’investimento era assolutamente minimo e quanto meno si sarebbe partiti al più presto con l’area, che in realtà era pubblica, non privata come diceva adesso lei, perché si erano individuate due aree, la Commissione aveva individuato due aree, la prima si era trovata una soluzione di compromesso tra quella che proponevo io e una proposta che aveva portato avanti l’assessore Rinaldi e si era trovata la via di compromesso nell’area che sarebbe il prolungamento dell’attuale area a fianco di un camping già esistente e quindi all’interno del parco delle Ponente, un lavoro che come spiegò Rinaldi, non io, avrebbe comportato uno scarsissimo investimento, bassissimo, quindi allora il Sindaco smentisce Rinaldi, mettetevi d’accordo, e che si sarebbe portato avanti, quindi quell’area era stata già individuata. La seconda area allo stesso modo individuata col pieno consenso dei proprietari che erano già stati contattati era l’area direttamente sul lungomare nord zona Barra, fu individuata con delle planimetrie che furono portate all’interno della Commissione e la Commissione approvò quell’area, per cui non mi pare che ci fossero questi problemi, a meno che l’assessore Rinaldi sia venuto in Commissione e ci abbia raccontato delle clamorose bugie perché ha detto che anche con la proprietà tutto era ormai a posto, tant’è che la commissione fu fatta dopo che l’Assessore si incontrò con i proprietari, quindi una era pubblica e una era privata. Quindi aree individuate, destinazione urbanistica ancora da definire, ma nulla si è fatto, intanto prepararsi sulla destinazione urbanistica non ha una rilevanza economica signor Sindaco, dopodiché mi pare che quindi ci siamo arenati su una promessa da marinaio che ha fatto l’Assessore Rinaldi. A questo punto Sindaco io la invito a contattare l’assessore, trovate un punto d’accordo, datemi una risposta più precisa perché le vostre versioni oggi contrastano. Per quanto riguarda, e quindi preannuncio a questo punto comunque una nuova convocazione della Commissione, perché questo punto andrà assolutamente rivisto e verificato lo stato dell’arte perché a questo punto vi è una contraddizione in termini all’interno della Giunta. Per quanto riguarda invece l’area attuale, e ho finito, ritengo che abbiamo raggiunto in realtà in meno di un anno da quella che doveva essere una spinta propulsiva del turismo plein air, quindi far diventare Paperopoli la città del plein air, siamo arrivati invece a dare una spinta in realtà restrittiva e quindi un passo indietro, due passi indietro, perché andiamo a far pagare dieci ero un’area che realmente non vale nemmeno cinquanta centesimi di sosta al giorno. Purtroppo quell’area è una non soluzione, è un’area che non è appetibile per i camperisti, se noi la facciamo addirittura anche pagare per una semplice esigenza di controllo, per i controlli basta mandare comunque i vigili urbani, non in termini repressivi ovviamente, perché i turisti vanno accolti, però se ci sono presenze, pensiamo a mezzi rom ad esempio che stazionano per venti - trenta giorni è ovvio che occorre l’intervento dei vigili Urbani, su questo siamo perfettamente d’accordo, ma questo non è necessario metterci un sosta di dieci Euro, possiamo da questo punto di vista ovviamente far fare dei controlli alla polizia municipale, il camperista che viene a Paperopoli che trova solo quell’area e la paga dieci euro non credo che sia contento dell’offerta turistica della città.