Paperopoli Consiglio

Archivio sedute di Consiglio: 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 |

Seduta num. 77 del 16 aprile 2014

Precedente | Successiva

Convenzione con i Comuni di Ancona, Fabriano, Jesi e la Provincia di Ancona per il Servizio associato politiche europee (S.A.P.E.)

Il Presidente del Consiglio Conti: Dichiarazioni di voto sulla pratica.

Il SINDACO: Sono molto soddisfatto, anche al di là del voto sull’emendamento che spero venga riconfermato sul punto all’ordine del giorno, molto soddisfatto degli interventi e delle considerazioni. Forse i passaggi in Commissione ne hanno stemperato un po’ il valore ma dentro questo ufficio ci passa il futuro di questa città, ha ragione il consigliere Ricci, cioè non si tratta semplicemente della costituzione dell’ufficio di area vasta, qui ci può essere la progettazione, ci deve essere lo studio, ci deve essere la competenza, ci deve essere la lettura, ci deve essere la sincronizzazione tra gli obiettivi di un’area e i possibili canali di finanziamento europeo, quindi andiamo oggi a votare forse l’atto più importante per il prossimo quinquennio. Vi assicuro che non è stato nemmeno così semplice, votiamo, stiamo tutti insieme e ci vogliamo bene. Ma un territorio che pensa e dovrà pensare tutto insieme da Paperopoli a Fabriano, da Jesi ad Topolinia, deve pianificare, deve progettare, deve presentare e lavorare con quelle prospettive che sono state sottolineate e che stanno dentro eventi come quello del 6 di giugno ad Topolinia nei giochi della macroregione, quindi diventiamo in qualche maniera protagonisti di un percorso che oggi riguarda 350.000 persone, non è proprio un passaggio così semplice e che non merita la dovuta attenzione. È il primo atto regionale o uno dei pochi nazionali che guardano alla progettazione in questi termini, il passaggio di oggi che poi stiamo aspettando per correttezza e per rispetto anche degli altri faremo la conferenza stampa tutti insieme e quindi attendiamo che gli altri Consigli comunali si pronuncino in modo da presentarci fin da subito, però l’idea che stiamo mettendo in campo che come ricordava il consigliere Moretti un anno fa era un contenitore in grande elaborazione, perché noi avevamo costituito l’Ufficio, non riusciva a trovare quel fermento adeguato perché ci rendevamo conto che Paperopoli e il territorio non sarebbero bastati, ci siamo mossi rispetto alle valli del Misa e del Nevola, ci siamo mossi ma non era assolutamente adeguato, oggi siamo invece nelle condizioni di leggere l’area vasta nel loro insieme, per rassicurare il Consigliere Greco, noi giochiamo con la fascia da capitano, non giochiamo per stare in campo, quindi noi ci stiamo. Ringraziamo il Sindaco Mancinelli, lo voglio fare formalmente perché c’è stata piena disponibilità e piena condivisione, già dalla campagna elettorale ci eravamo mossi a sostegno di questo progetto, vengo a presentare un progetto di area vasta, lo ha condiviso e lo facciamo in maniera molto, molto convinta, il referente per il Sindaco Mancinelli è stato il professor Fiorillo che ha creduto molto nelle modalità e anche nel modo di relazionarsi, quindi oggi votiamo, io ritengo, l’atto più importante per il prossimo quinquennio, qui passa il futuro di Paperopoli, qui passa il futuro della nostra Provincia, qui passa il futuro della macroregione. Posizionarsi nella macroregione con un territorio coeso, che progetta in questi termini, che si relaziona con l’altra parte dell’Adriatico e che ha già attivato i rapporti, penso sia un grandissimo risultato, quindi forse meritava il punto numero uno all’ordine del giorno del Consiglio prossimo, ma noi siamo così, maciniamo, ma almeno la consapevolezza da quello che di grande stiamo facendo perché poi ci saranno le competenze, le competenze di solito non si pagano proprio in quel modo, ci lavoreremo, ma di solito con i professionisti il rapSan Marco è quello deontologico, però cercheremo di trovare come diceva prima il consigliere Ricci, le competenze migliori, non si gioca qui, dovremo essere in grado di trovare collaboratori interni ed esterni migliori, che si dedicano, che conoscono l’Europa, che hanno relazioni, che hanno terminal, che hanno già progettato, che guardano dentro un percorso dove ovviamente noi abbiamo tante idee, però le idee non bastano da sole, vanno condivise, non basta siano condivise, vanno strutturate, non è sufficiente strutturale bisogna progettarle e proporle e poi come diceva il Consigliere Moretti, e chiudo, bisogna anche gestirle, forse bisognerà gestire gli appalti, bisognerà gestire le procedure, auspichiamo che ci siano quelle difficoltà. Chiudo ringraziando il Consigliere Giuseppe Moretti perché ha interpretato al meglio il ruolo, delega piena e anche piena fiducia come sono abituato, i feedback per me si verificano con tre battute, quando ne abbiamo fatte cinque abbiamo portato a casa questo risultato.