Paperopoli Consiglio

Archivio sedute di Consiglio: 2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 |

Seduta num. 81 del 30 luglio 2014

Precedente | Successivo

Regolamento per l'applicazione dell'Imposta unica comunale (IUC)

  • Gallo, Emanuele
    Consigliere
    Ambizione e Carità (A.C.)
    Monitorato da 0 cittadini

Il Consigliere Gallo (Salviamo le Tasse): Per fatto personale. Avevo già previsto il mio intervento per l’ultimo punto l’approvazione generale nella quale mi asterrò come ho fatto in tutti gli altri punti per un motivo molto semplice. Ringrazio l’avvocato collega Ferrari per il suo interesse verso la mia persona il quale è abbastanza frequente in quest’ultimo tempo, di questo lo ringrazio, comunque sia la mia scelta, che avrei spiegato appunto alla fine, ma sono costretto a farlo ora Presidente, lei cortesemente me lo consente, è una scelta di coscienza, una scelta di coscienza verso coloro che mi hanno votato e verso quello che, perché qualcuno qualche volta si dimentica, quello che è successo nella nostra città poco tempo fa. Io riconosco che dinanzi ad un’emergenza come quella avvenuta lo scorso 3 maggio vi è stata un’operatività a mio avviso fatta in criterio. Lo dico perché non solo ne sono convinto ma perché ho partecipato anche indirettamente e sono orgoglioso di averlo fatto e di aver contribuito e allo stesso tempo, vista la drammaticità e allo stesso tempo anche la concomitanza anche quello che è stato fatto in vista di quest’anno d’esercizio del nostro Comune, parlo del 2014, su quello che il Comune è dovuto andare incontro, su quello attraverso il quale Comune si è esposto attraverso spese fuori bilancio per poi poter redigere adesso il bilancio di previsione, come stanno facendo tanti altri Comuni, la mia coscienza mi porta ad un’astensione su questo Bilancio proprio perché vi sono dentro questi elementi e questa astensione dentro di me, attraverso i miei elettori, attraverso coloro con cui parlo tutti i giorni, con cui ho dialogo, si traduce in una conferma dell’impegno verso la mia città. Questo è il mio voto d’astensione per quanto riguarda questo Bilancio di previsione 2014. Credo che soprattutto in questa fase, in questi tempi, in questo momento storico di tutto il quadro politico di tutto quello che stiamo vivendo, della sfiducia verso la classe politica credo anche che i vecchi ranghi, le vecchie modalità, quelle che sono andate avanti per tanti anni, vale a dire se ti astieni nel Bilancio di Previsioni significa che sei con la maggioranza, queste sono considerazioni a mio avviso del tutto personali che rispetto ma che non mi appartengono, la mia è una scelta maturata e studiata a fondo nel rispetto a mio avviso della mia città, ripeto nel rispetto della mia città e di questo ne vado orgoglioso. Per questo punto mi asterrò per il Bilancio di previsione proposto da questa Amministrazione per l’anno d’esercizio 2014. Non ci trovo nulla di male, nulla di scandaloso, nulla di cui dover giustificare, ci trovo semplicemente il mio essere persona al servizio della collettività in tutto e per tutto, quindi non ho null’altro da aggiungere per il momento.