Paperopoli Atto

Stato di avanzamento dell'iter del nuovo Regolamento edilizio

Interpellanza del Consiglio Comunale del 16 aprile 2014

Presentazione
Discussione
16.4.2014

Proponenti

Il Consigliere Barbieri (Salviamo le Tasse): Buonasera a tutti. la mia interpellanza è rivolta all’Assessore Rinaldi. Il Regolamento edilizio. Noi abbiamo qui a Paperopoli un Regolamento edilizio vecchio e superato, un Regolamento che pone numerosi problemi ai cittadini che devono intervenire in un fabbricato, pone problemi ai tecnici che devono progettare e pone problemi agli stessi uffici che devono poi esaminare atti e progetti. Penso che voi stessi siete d’accordo su questa cosa tant’è che era iniziato un percorso, il Consiglio comunale ha approvato con la delibera numero 86 del 30 ottobre 2012, un primo step come lei Assessore lo aveva chiamato, solo che questo primo step era una piccola parte, una parte marginale, riguardava la monetizzazione e gli standard. E poi era iniziata assessore la discussione sul resto del Regolamento edilizio e voi stessi avete, con la delibera numero 60 del 16 aprile 2013, quindi di un anno fa, una delibera di Giunta, invitavate i cittadini, invitavate i tecnici, gli operatori economici, le associazioni a esprimersi su questa prima bozza che gli uffici avevano elaborato. Abbiamo tenuto numerose riunioni di Commissione però adesso tutto si è arenato, allora le chiedo Assessore come mai si è fermato tutto?

Si dà atto che entra il Consigliere Moretti: Presenti con diritto di voto n. 21.

Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

L’Assessore Rinaldi: La risposta all’ultima domanda è no nel senso che non mi sembra che siamo un’Amministrazione comunale che ferma le cose, siamo una amministrazione comunale che le cose le fa, ne abbiamo fatte tantissime, prima della fine del mandato amministrativo ne faremo tante altre, chiaramente i percorsi hanno una loro complessità e quindi rispetto al tempo che abbiamo io credo che noi saremo in grado di affrontare alcuni dei capitoli del Regolamento edilizio lasciando un lavoro ben avviato alla futura Amministrazione comunale che potrà affrontare gli altri capitoli rimasti. Il regolamento edilizio noi l’abbiamo diviso, consigliere Barbieri, in quattro capitoli. Il primo è stato affrontato, fatto e deliberato, io credo che avremo modo da qui a otto - nove mesi di lavoro che il Consiglio comunale avrà di affrontare un’altra parte, chiaramente non tutto in capo all’assessore che può tirare un carro ma ovviamente il Consiglio bisogna che lo tiri anche lui perché altrimenti diventa un lavoro disumano che francamente non credo debba fare da solo, quindi prendo atto di questa sua segnalazione in modo favorevole e le dico che nel cronoprogramma che abbiamo ipotizzato e che credo verrà discusso addirittura già nelle prossime sedute di Consiglio comunale il Regolamento edilizio ha una parte importante, ovviamente non le nascondo che parlare genericamente come lei ha fatto di problemi trova d’accordo la città, il Sindaco, l’Assessore, l’opposizione, la maggioranza, il problema è trovare le soluzioni ai problemi, perché dire quel Regolamento crea problemi è d’accordo l’architetto Ciacci, l’ingegner Gianni Patonico, l’ingegner Roccato, Costantino Bruno, Rinaldi Emanuele, Luigi Barbieri, Carlo Marino, siamo tutti d’accordo, il problema è nelle soluzioni. E allora io la inviterei a esprimere una posizione, prima però non dopo, perché noi abbiamo avuto le osservazioni a cui ci siamo aperti, quindi è stato fatto un lavoro importante di confronto con la città, con quella città che si è voluta confrontare, abbiamo chiamato a raccolta tutti, le associazioni di categoria, gli ordini professionali, le associazioni ambientaliste, i singoli cittadini, abbiamo fatto molti incontri e il tema del problema è un tema ricorrente, la questione della soluzione ovviamente le componenti portano soluzioni diverse, e allora bisogna prendere una posizione non solo nell’evidenziare un problema ma anche nel trovare le soluzioni. Le do la mia più ampia disponibilità a leggere una sua nota di una proposta sui problemi che lei ha evidenziato perché credo che il suo contributo sia importante e significativo non solo nell’accezione della problematizzazione, ma anche nell’evidenziare quelle soluzioni che lei credo abbia in mente quindi la invito a formalizzarle quanto prima.

Si dà atto che entra il Consigliere Martini: Presenti con diritto di voto n. 22.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere Barbieri (Salviamo le Tasse): Inizio da quest’ultima cosa Assessore. Il sottoscritto non si è mai sottratto alle proposte, nella Commissione competente, nella seconda Commissione, i Consiglieri lo possono anche testimoniare, sono forse il Consigliere che interviene più di tutti, e non interviene solo criticando l’operato, ma interviene spesso e volentieri, anzi molte volte, con delle proposte. Poi per quanto riguarda i problemi che ci sono sul Regolamento edilizio, voi stessi nella delibera 60, precisamente di un anno fa, il 16 aprile dall’anno scorso, vi siete espressi a seguito dell’emanazione di nuove disposizioni legislative sovraordinate, in particolare in tema di ambiente, risparmio energetico, sviluppo sostenibile, tutela e valorizzazione del paesaggio, nonché delle innumerevoli criticità che si riscontrano nella gestione degli interventi edilizi, in particolare per quelli che concernono il recupero dei fabbricati, si rende indispensabile, lo dite voi in delibera, procedere ad una revisione generale organica della strumentazione regolamentare in materia di trasformazioni edilizie ed urbanistiche. E allora io sono d’accordo su questa cosa, su questa urgenza, ne avevamo cominciato a parlare per gli altri capitoli in commissione e poi non si è saputo più nulla, sono passati dei mesi. Allora io le chiedo assessore, questa è la domanda, riprendiamo questa discussione nella Commissione per poter concludere gli altri capitoli, gli altri tre capitoli del Regolamento edilizio?

Si dà atto che entra il Consigliere Ferrari: Presenti con diritto di voto n. 23.

Vedi i dettagli dell'intervento